Alta formazione e ricerca

Piano Alte Competenze

Il Piano triennale integrato Fse, Fesr e Feasr per la ricerca, il trasferimento tecnologico e l’imprenditorialità approvato dall’Assemblea Legislativa a ottobre 2015 e le misure co-finanziate dal Fondo sociale europeo per la sua attuazione.

Il Piano triennale

Il Piano Alte Competenze è la strategia triennale che la Regione ha delineato, partendo dalle linee già tracciate nel 2014 nella Strategia di specializzazione intelligente (S3), con l'obiettivo di fare dell’Emilia-Romagna la punta avanzata della nuova manifattura che si sta ridisegnando a livello globale. Una manifattura sostenibile, connessa a servizi altamente specialistici, capace di coniugare produzione e trasferimento di conoscenza e di contaminare competenze culturali e creative con competenze tecnologiche, per trasformare contenuti in prodotti ad alto valore aggiunto.

Approvato dall’Assemblea Legislativa a ottobre 2015, il Piano è uno degli strumenti operativi che la Regione, quando ha siglato il Patto per il Lavoro, si è impegnata ad adottare per rendere effettiva l’integrazione tra i Programmi cofinanziati dai Fondi SIE (FSE, FESR e FEASR).

Oltre che sull’integrazione delle politiche e dei fondi regionali, il Piano si fonda sulla sinergia tra risorse pubbliche e private e sulla collaborazione tra gli attori dell'ecosistema regionale dell'innovazione: istituzioni, università, laboratori ed enti di ricerca, imprese. Una rete decisiva per dare vita a progettualità complesse, che possano amplificare gli esiti dell’investimento regionale, garantire intelligenza dell’intero sistema e ripensare il territorio in una dimensione globale.

Misure

Obiettivi

La misure che la Regione promuove nell'ambito del Programma Operativo Regionale FSE 2014-2020 in attuazione del Piano Alte competenze hanno i seguenti obiettivi specifici:

  • rafforzare i percorsi formativi di raccordo tra i diversi segmenti del sistema educativo e il mondo del lavoro, in particolare i tirocini;

  • promuovere l’accesso delle donne ai percorsi scientifici, tecnologici, tecnici e professionali;

  • sostenere misure complesse di intervento in risposta ai fabbisogni di competenze delle imprese;

  • valorizzare la dimensione di accompagnamento al lavoro, promuovendo l’apprendistato di alta formazione e ricerca;

  • valorizzare la cultura tecnica e scientifica attraverso il potenziamento di una formazione terziaria universitaria e non.

Per saperne di più

Azioni sul documento

pubblicato il 2016/07/25 09:20:00 GMT+2 ultima modifica 2018-10-22T16:58:42+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina