Progetti per le alte competenze per la ricerca e il trasferimento tecnologico

Po Fse 2014/2020, obiettivo tematico 10, priorità di investimento 10.2 - Delibera di Giunta regionale n. 2088 del 18/11/2019, Allegato 1
Stato
Aperto
Tipologia di bando Agevolazioni, finanziamenti, contributi
Chi può fare domanda
  • Enti e laboratori di ricerca
  • Scuole, università, enti di formazione
Data di pubblicazione 21/11/2019
Scadenza termini partecipazione 31/01/2020 23:55

Presentazione candidatura

Obiettivi 

L’Invito intende rendere disponibili misure volte a valorizzare le connessioni tra la formazione, la ricerca e il trasferimento tecnologico per sostenere le persone nei percorsi di alta formazione e ricerca, quale strumento per costruire nuove conoscenze e competenze necessarie al sistema economico regionale per affrontare le sfide del cambiamento e utili per un qualificato inserimento lavorativo.

I progetti che saranno selezionati dovranno permettere alle persone beneficiarie di assegni di ricerca l’acquisizione delle competenze necessarie per esercitare attività di ricerca di alta qualificazione.

Destinatari

Persone in possesso di un titolo di studio di II livello o persone in possesso di un titolo di dottore di ricerca. Tenuto conto degli obiettivi generali e specifici, e in particolare delle politiche regionali di attrattività, ai sensi di quanto previsto dalla deliberazione di Giunta regionale n. 1298/2015, non rileva ai fini dell’accesso la residenza dei destinatari.

Attività finanziabili

I progetti candidabili a valere sul presente Invito devono essere riferiti a due ambiti:

  • Ambito A - Risorse umane per un'economia digitale: Big Data e Intelligenza artificiale
    Le competenze di riferimento di tale ambito aprono nuove opportunità di crescita economica e progresso scientifico con ricadute su numerosi ambiti applicativi. I progetti devono permettere di formare le competenze specialistiche necessarie a cogliere il potenziale di innovazione dell’economia digitale.
  • Ambito B - Risorse umane per la specializzazione intelligente
    I progetti devono permettere di formare alte competenze per la ricerca e l’innovazione finalizzate a concorrere agli obiettivi generali e specifici di cui alla Strategia di specializzazione intelligente della Regione Emilia-Romagna approvata con delibera dell'Assemblea legislativa n. 164 del 25/06/2014.

Con le risorse del Programma operativo Fse 2014/2020, si intende rendere disponibili 50 assegni di ricerca annuali, uno per ciascun progetto di ricerca, di cui:

  • almeno 15 assegni di ricerca per l’Ambito A
  • non più di 35 assegni di ricerca per l’Ambito B.

Le risorse disponibili sono finalizzate al finanziamento di un numero massimo di 50 assegni annuali di ricerca, per un importo unitario massimo di euro 30.000,00 determinato in funzione dei mesi di lavoro prestato.

Soggetti ammessi alla presentazione della candidatura

I progetti devono essere candidati dai soggetti ammessi a conferire assegni per lo svolgimento di attività di ricerca ai sensi di quanto previsto dall’art. 22 comma 1 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l'efficienza del sistema universitario con una sede sul territorio regionale.

Risorse

1.500.000,00 euro a valere sulle risorse del Programma operativo Fondo sociale europeo 2014/2020 obiettivo tematico 10, priorità di investimento 10.2.

Modalità e termini per la presentazione della candidatura

Le candidature devono essere presentate dal Legale rappresentante del soggetto proponente utilizzando l’apposita modulistica. Il modulo di candidatura, unitamente alla scheda descrittiva dei progetti di ricerca, deve essere inviato via posta elettronica certificata all’indirizzo progval@postacert.regione.emilia-romagna.it entro e non oltre il 31 gennaio 2020, pena la non ammissibilità.

Ciascun soggetto non può candidare un numero superiore a 25 progetti di ricerca e comunque non può presentare una richiesta di finanziamento per un numero superiore a 25 assegni di ricerca. Per ciascun progetto di ricerca candidato può essere richiesto un solo assegno di ricerca.

Il modulo di candidatura, firmato digitalmente dal Legale rappresentante del soggetto richiedente, deve essere in regola con le norme sull'imposta di bollo. I soggetti esenti devono indicare nella domanda i riferimenti normativi che giustificano l'esenzione.

Trattamento dei dati

I dati dei beneficiari sono pubblicati in formato aperto ed elaborati ai fini della prevenzione del rischio di frodi e irregolarità.

Obblighi di pubblicazione

Si richiama l’impegno relativo al rispetto degli obblighi di pubblicazione di cui all’art. 1, commi da 125 a 128 della legge 124 del 2017, così come modificata dal DL n. 34 del 2019 (in vigore dal 1/5/2019) convertito con modificazioni dalla legge 28 giugno 2019 n. 58.


Responsabile del procedimento è Francesca Bergamini, Responsabile del Servizio Programmazione delle politiche dell’istruzione, della formazione, del lavoro e della conoscenza della Direzione generale Economia della conoscenza, del lavoro e dell'impresa.

Per informazioni Progval@regione.emilia-romagna.it

Materia: Istruzione e formazione | Ricerca
Finanziato con fondi europei: FSE

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/11/21 12:36:00 GMT+1 ultima modifica 2019-11-29T15:44:34+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina