Operazioni orientative per il successo formativo

PO Fse 2014/2020, obiettivo tematico 8, priorità di investimento 8.4 e obiettivo tematico 10, priorità di investimento 10.1 – Delibera di GR n. 1338 del 02/08/2018, Allegato 1
Tipologia di bando Agevolazioni, finanziamenti, contributi
Destinatari
  • Altro
Ente
  • Regione Emilia-Romagna
Data di pubblicazione 09/08/2018
Scadenza termini partecipazione 15/11/2018 12:00
Consulta gli approfondimenti

L’invito intende rendere disponibile un sistema regionale di azioni orientative e di supporto al successo formativo progettate, attuate e valutate a livello territoriale e strutturato in una pluralità di interventi e opportunità integrate e complementari capaci di rispondere ai bisogni dei giovani di essere accompagnati nei propri percorsi educativi e formativi.

Le opportunità mirano a rendere disponibili ulteriori strumenti e a rafforzare le opportunità ed esperienze consolidate, in una logica di rete dei soggetti e delle opportunità, di orientamento che le Istituzioni scolastiche di I e II Ciclo, gli Enti di Formazione professionali accreditati e le Università attuano nell’ambito della propria autonomia.

Modalità di pianificazione e progettazione

La pianificazione e progettazione è definita su due livelli:

  • livello istituzionale ed economico sociale pluriennale che prevede la definizione di “Piano di azione territoriale per l’orientamento e il successo formativo – aa.ss. 2018/2019, 2019/2020, 2020/2021”, di ambito provinciale nella responsabilità di un Comune/Amministrazione Provinciale/Città Metropolitana - capofila del Piano di azione triennale - che, nel confronto con il partenariato socio economico e istituzionale, definisce la strategia di intervento, gli attori coinvolti e i risultati attesi, tenendo conto del genere e delle vocazioni territoriali. Il capofila del Piano di azione triennale è responsabile delle procedure di evidenza pubblica necessarie ad individuare i soggetti attuatori delle azioni previste.
  • livello di progettazione esecutiva e di attuazione annuale, che si attiva solo in esito alla conclusione delle procedure per l’individuazione del partenariato attuativo, e che dovrà permettere, in un processo di co-progettazione dei soggetti attuatori, coordinato dall’Ente capofila del Piano triennale, la predisposizione di un “Piano annuale di azione” e la candidatura di “Operazioni”, riferite a ciascun a.s.

Caratteristiche delle operazioni

    In attuazione del Piano di azione annuale 2018/2019 dovranno essere candidate tre distinte Operazioni che, nella loro integrazione e complementarietà, ricomprendano progettualità riferite ciascuna a una delle seguenti tre Azioni:

    • AZIONE 1 - Opportunità orientative e di promozione del successo formativo - OT. 10 priorità di investimento 10.1 - attività a costi standard
    • AZIONE 2 - Azione di sistema per la qualificazione, innovazione e valutazione delle azioni di orientamento e di promozione del successo formativo - OT. 10 priorità di investimento 10.1 - attività a costi reali
    • AZIONE 3 - Azione di sistema per parità di genere OT. 8 priorità di investimento 8.4 - attività a costi reali

    Al fine di garantire unitarietà dell’intervento nel suo complesso, il Comune/Amministrazione Provinciale/Città Metropolitana capofila del Piano triennale e annuale di azione dovrà garantire, nella fase di progettazione, realizzazione e valutazione il coordinamento del partenariato attuativo e il presidio dell’intervento nel suo complesso attraverso una figura di responsabile del Piano.

    Soggetti titolari delle operazioni

    AZIONE 1: dovrà essere titolare dell’Operazione un ente di Formazione Professionale accreditato ai sensi della DGR n. 177/2003 e ss.mm.ii., sottoscrittore del Piano d’azione annuale, e individuato attraverso procedure di evidenza pubblica;

    AZIONE 2 e/o AZIONE 3: potrà essere titolare dell’Operazione:

    • il Comune/Amministrazione Provinciale/Città metropolitana capofila del Piano di azione triennale e annuale;

    oppure

    • l’ente di Formazione Professionale accreditato titolare dell’Operazione candidata sull’Azione 1.

    Fermo restando che l’Azione 1. potrà essere candidata unicamente da un ente di formazione accreditato, resta nell’autonomia dell’ente pubblico capofila prevedere la propria titolarità per entrambe le Azioni 2. e 3., per una sola di queste o per nessuna. In questi due ultimi casi l’ente di formazione titolare potrà essere solo lo stesso ente titolare dell’Azione 1.

    Risorse finanziarie

    Le risorse pubbliche disponibili per la realizzazione dei nove “Piani di azione territoriale per l’orientamento e il successo formativo – aa.ss. 2018/2019, 2019/2020, 2020/2021” sono pari a complessivi euro 12.000.000,00 di cui al Programma Operativo Regionale FSE 2014/2020.

    Le risorse pubbliche disponibili per il finanziamento dei nove Piani annuali di attuazione - a.s. 2018/2019 sono complessivamente pari a 4.000.000,00 di cui:

    • euro 2.800.000,00 - OT 10. - priorità di investimento 10.1.
    • euro 1.200.000,00 – OT. 8. - priorità di investimento 8.4

    Termini e modalità di presentazione delle Operazioni

    Le operazioni dovranno essere compilate esclusivamente attraverso l’apposita procedura applicativa web SIFER (Azione 1 - progettazione 2014/2020; Azione 2 e 3 progettazione 2007/2013), disponibile all’indirizzo https://sifer.regione.emilia-romagna.it e dovranno essere inviate alla Pubblica Amministrazione per via telematica non oltre le ore 12.00 del 25 ottobre 2018 pena la non ammissibilità.

    Le richieste di finanziamento dovranno essere inviate via posta elettronica certificata all’indirizzo progval@postacert.regione.emilia-romagna.it nel rispetto delle modalità e dei tempi previsti, per ciascuna Azione, al punto I) dell’Invito.

    Tempi ed esiti della valutazione

    Gli esiti delle valutazioni delle Operazioni presentate saranno sottoposti all’approvazione della Giunta Regionale entro 60 giorni dalla loro presentazione.

    Trattamento dei dati

    I dati dei beneficiari sono pubblicati in formato aperto ed elaborati ai fini della prevenzione del rischio di frodi e irregolarità


    Il Responsabile del procedimento ai sensi della L. n. 241/90 e ss.mm.ii .è il Responsabile del Servizio “Programmazione delle politiche dell'istruzione, della formazione, del lavoro e della conoscenza” della Direzione generale Economia della Conoscenza, del Lavoro e dell’Impresa. Per informazioni: progval@regione.emilia-romagna.it.

    Procedure per il partenariato attuativo

    Presentazione candidatura

    Documentazione

    Azioni sul documento

    pubblicato il 2018/08/09 18:25:00 GMT+1 ultima modifica 2018-10-08T11:48:23+01:00

    Valuta il sito

    Non hai trovato quello che cerchi ?

    Piè di pagina