Lavoro per Te

Garanzia Giovani al via in Emilia-Romagna

Il progetto dell'Unione Europea offre ai 15-29enni che non studiano e non lavorano opportunità per acquisire competenze ed entrare nel mercato del lavoro.

Prende il via il 1° maggio anche in Emilia-Romagna la Garanzia Giovani, il progetto dell’Unione Europea che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano nuove opportunità per acquisire competenze ed entrare nel mercato del lavoro. Oltre 74 milioni di euro sono le risorse a disposizione per avviare le misure, provenienti dal Fondo Sociale Europeo.
L’Emilia-Romagna è tra le prime Regioni a sottoscrivere la convenzione con il Ministero del Lavoro e questa mattina in conferenza stampa sono stati presentati i servizi e le azioni che saranno avviati a partire da domani.

“In Emilia-Romagna riusciamo a dare avvio al programma con tempestività grazie a quanto costruito in questi anni – ha spiegato l’assessore regionale al Lavoro, Scuola e Formazione Patrizio Bianchi – Mi riferisco in particolare alla infrastruttura educativa ER Educazione e Ricerca Emilia-Romagna, alle esperienze già maturate nel favorire l’occupazione giovanile, agli investimenti realizzati per innovare i sistemi informativi per il lavoro (SILER) e ai canali attivati per l’erogazione di servizi on line, in particolare con il portale Lavoro per te”.
La Garanzia Giovani permette in Emilia-Romagna di integrare e qualificare le diverse opportunità dell’infrastruttura formativa regionale e si pone in continuità con le scelte effettuate nel 2012 con il “Piano per l'accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa”.

“L’idea alla base dell’attuazione del progetto Garanzia Giovani nella nostra regione è aumentare le competenze dei giovani per contrastare la disoccupazione, promuovere la qualità e la continuità del lavoro, supportare la creazione di nuove imprese e premiare le imprese che investono sui ragazzi e sulla loro formazione – ha continuato l’assessore Bianchi - Per farlo occorre costruire i presupposti di un patto condiviso tra i giovani, destinatari degli interventi e chiamati ad essere proattivi nel cogliere le opportunità offerte, e le imprese che dovranno investire responsabilmente nel futuro dei giovani avvicinandoli al lavoro”. 

Strategica a questo proposito sarà la comunicazione. La regione in sinergia e coerenza con il piano di comunicazione nazionale e nel rispetto delle Linee guida elaborate dal Ministero intende rafforzare a livello regionale la comunicazione istituzionale, predisporre azioni di comunicazione orientativa e di servizio e favorire la partecipazione e il coinvolgimento attivo in particolare di giovani e imprese.

I servizi e le opportunità che la Regione Emilia-Romagna mette a disposizione dei giovani che decideranno di aderire al progetto sono:

  • Colloqui di orientamento

 Per tutti i giovani tra i 15 e i 29 anni, colloqui di orientamento per favorire una conoscenza del mercato del lavoro e delle opportunità che offre, per individuare eventuali offerte di lavoro e per costruire un Progetto Garanzia Giovani personalizzato e coerente.

  • Reinserimento in un percorso formativo

 Per i giovani tra i 15 e i 18 anni, privi di qualifica o diploma, saranno realizzati percorsi, anche personalizzati, per rientrare nella scuola o nella formazione  e conseguire un titolo di studio.

  • Tirocinio

 Per giovani tra i 18 e i 24 anni, promozione, tutoraggio e individuazione di datori di lavoro ospitanti per realizzare tirocini formativi extra-curriculari, anche in mobilità geografica e transnazionale, della durata massima di sei mesi (o 12 mesi per giovani disabili o svantaggiati). 
L’indennità di frequenza al tirocinio, del valore minimo di 450 euro mensili, è finanziata dalla Regione per il 70% con risorse pubbliche, per il 30% da risorse delle realtà ospitanti.

  • Sostegno all’inserimento lavorativo in particolare attraverso un contratto di apprendistato

 Per i giovani dai 15 ai 29 anni, sostegno all’inserimento lavorativo in particolare attraverso un contratto di apprendistato: apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale, apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere, apprendistato per l’alta formazione e la ricerca.
La formazione qualificata prevista dalle tre tipologie di contratto è finanziata attraverso risorse pubbliche. Alle imprese che assumono giovani  con contratto  di apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale e di apprendistato per l’alta formazione e la ricerca (le due tipologie di contratto in cui la componente formativa è più rilevante) la Regione riconosce incentivi  pari rispettivamente a 2 mila, 3 mila e 6 mila euro.

  • Mobilità professionale in Italia e in Europa

Per i giovani dai 18 ai 24 anni, servizi di informazione e orientamento (attraverso la rete europea dei servizi per l'impiego Eures) e sostegno  economico alla realizzazione di progetti di mobilità professionale all’interno del territorio nazionale o in Paesi UE.

  • Servizio civile

Per i giovani tra i 18 e i 29 anni, sostegno alla realizzazione di un’esperienza di servizio civile prioritariamente nell’ambito dell’assistenza, prevenzione, cura, riabilitazione, reinserimento sociale, della cooperazione allo sviluppo e della salvaguardia e fruizione del patrimonio artistico, monumentale ed ambientale. Gli assegni formativi sono finanziati da risorse pubbliche.

  • Accompagnamento all’avvio di un attività autonoma e imprenditoriale

Per i giovani tra i 18 e i 29 anni, percorsi specialistici, mirati e personalizzati per l’avvio di attività autonome e la costituzione di nuove imprese giovanili. I percorsi prevedono un affiancamento tecnico per la traduzione dell’idea di impresa in progetto di fattibilità, un accompagnamento all’acquisizione delle competenze necessarie, la costruzione del business plan e l’accompagnamento allo start up d’impresa.

  • Bonus occupazionale

Per promuovere l’inserimento occupazionale dei giovani fino a 29 anni, sono stati previsti  incentivi alle imprese che assumono. Il dettaglio della misura sarà definito in accordo con il Ministero nei prossimi giorni.

A chi è rivolto il programma

Il programma è rivolto a giovani tra i 15 e i 29 anni, che non studiano, che sono privi di lavoro, e non sono inseriti in percorsi di tirocinio e/o di formazione

Come si accede al Programma

Per accedere al programma occorre aderire compilando dal 1° maggio un modulo online disponibile sul Portale regionale Lavoro per Te o sul sito del Ministero Cliclavoro.

Per iscriversi online alla Garanzia Giovani in Emilia-Romagna occorre registrarsi nell’area riservata del portale Lavoro per Te https://lavoroperte.regione.emilia-romagna.it/MyPortal/.

Dopo aver effettuato la registrazione sul portale, dalla propria scrivania virtuale si potrà aderire al progetto cliccando sul banner Garanzia Giovani.

Chi è già iscritto a Lavoro per Te può aderire al progetto direttamente dalla propria scrivania virtuale.

Entro 60 giorni dall’adesione, i giovani potranno prenotare un appuntamento col proprio centro per l’impiego direttamente dal Portale Lavoro per Te o aspettare di essere contattati dallo stesso centro per l’impiego.

Per i giovani che hanno aderito alla garanzia Giovani tramite il sito del Ministero sarà creato un account per il Portale Lavoro per Te da cui eventualmente poter fissare un appuntamento con il Centro per l’Impiego.

Nel corso dell’incontro verrà costruito assieme ad un operatore il progetto formativo personalizzato e firmato il Patto di servizio. Entro 4 mesi dalla firma del Patto di servizio il percorso individuato dovrà avere inizio.

Per coloro che hanno già rilasciato la DID (Dichiarazione di Immediata Disponibilità), la partecipazione al colloquio con un operatore per la costruzione del percorso è obbligatoria, pena la decadenza dallo stato di disoccupazione.


Per saperne di più
La Garanzia Giovani in Emilia-Romagna

I dati sui Neet, sul mercato del lavoro in Emilia-Romagna e sui risultati del Piano per l’accesso dei giovani al lavoro realizzato dalla Regione nel 2012

Azioni
Azioni sul documento
Pubblicato il 30/04/2014 — ultima modifica 01/07/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it