Lavoro per Te

Imprese, oltre 2,4 milioni per innovare prodotti e servizi

Bando rivolto alle realtà produttive. L'assessore Costi: "Lavoriamo affinché tutte le aziende tengano lo stesso passo"

Oltre 2,4 milioni di euro per sostenere le piccole e medie imprese dell’Emilia-Romagna che mettono in campo progetti di innovazione e diversificazione di prodotti o servizi. L’opportunità è contenuta nel bando, varato dalla Giunta regionale nel corso dell’ultima seduta, “Progetti di innovazione e diversificazione di prodotto o servizio per le Pmi”. La misura punta ad accrescere la quota di mercato o di penetrare in nuovi mercati sostenendo, in particolare, le imprese che abbiano necessità di acquisire all'esterno servizi innovativi e competenze.

Le domande di contributo debbono essere presentate tra il 16 e il 31 ottobre 2017 e dovranno essere compilate esclusivamente per via telematica, tramite una specifica applicazione web, le cui modalità di accesso e di utilizzo saranno rese disponibili sul sito internet regionale http://www.regione.emilia-romagna.it/fesr. Tutte le spese dovranno riguardare attività realizzate e pagate nel 2018.
I progetti di innovazione presentati possono variare da un costo minimo di 10 mila euro a un massimo di 80 mila. Le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo alla spesa, nella misura del 50% delle spese ammissibili. Imprese appartenenti allo stesso gruppo possono chiedere contributi fino al massimo aggregato di 100 mila euro.

“Questo bando- ha commentato l’assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi- è rivolto specificatamente a sostenere l’innovazione per le piccole e medie imprese. Le nostre politiche di sviluppo sono fortemente attente affinché tutti possano accedere agli strumenti messi a disposizione, soprattutto quando parliamo di innovazione e trasferimento tecnologico. Oggi, che il nostro territorio è protagonista di una profonda evoluzione industriale è importante che tutte le realtà, di ogni dimensione, tengano lo stesso passo”.

Il bando
La misura è rivolta alle piccole e medie imprese con sede in Emilia-Romagna, impegnate in percorsi di innovazione tecnologica e diversificazione dei propri prodotti e servizi. Saranno considerate con particolare favore le innovazioni a carattere intersettoriale e interdisciplinare.
I contratti di fornitura dovranno essere stipulati (per almeno il 50% del valore del progetto) con laboratori e centri per l'innovazione accreditati appartenenti alla Rete regionale dell’alta tecnologia, con Università (e altre istituzioni di rango universitario), start-up innovative registrate nonché fabLabs aderenti alla FabFoundation.

Le iniziative progettuali dovranno riguardare interventi di ampliamento della gamma dei prodotti e/o servizi, a loro significativa ridefinizione tecnologica e funzionale in senso innovativo; l’introduzione di contenuti e processi digitali e di innovazione di servizio in grado di modificare in modo sostanziale il rapporto con clienti e stakeholders; la ricaratterizzazione dei prodotti e dei servizi verso la sostenibilità ambientale, l’inclusione e della qualità di vita, la cultura e la società dell’informazione.

Saranno sostenuti progetti basati sull’acquisto di servizi relativi a consulenze tecnologiche e di ricerca, studi e analisi tecniche; prove sperimentali, misure, calcolo, certificazioni di prodotto; progettazione software, multimediale e componentistica digitale; design di prodotto/servizio e concept design; stampa 3D di elementi prototipali; progettazione di impianti pilota.

Azioni sul documento
Pubblicato il 25/09/2017 — ultima modifica 25/09/2017
< archiviato sotto: , >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it