Formazione per le professioni dello spettacolo: in partenza 38 percorsi su tutto il territorio

Presentata in conferenza stampa l'offerta formativa 2019 per il settore dello spettacolo dal vivo

Percorsi formativi per fornire alte competenze a chi opera o vuole operare nel mondo dello spettacolo, dalla musica alla danza, dal teatro all’opera.
Finanziati dalla Regione
con quasi 3 milioni di euro del Fondo sociale europeo, sono pronti a partire in Emilia-Romagna 38 progetti rivolti a 680 destinatari: si tratta di percorsi di alta formazione (300/1.000 ore) a sostegno dell’innovazione del sistema regionale dello spettacolo; percorsi di formazione professionalizzanti (240/600 ore) per conseguire un certificato di competenze o una qualifica professionale, e percorsi di formazione permanente (50/150 ore) per acquisire competenze tecniche, professionali e trasversali.
Contenuti e finalità dell’offerta formativa sono stati illustrati alla stampa dall’assessore alla Formazione e Lavoro, Patrizio Bianchi. Messi a punto dagli organismi di formazione, insieme alle istituzioni e alle realtà di produzione artistica che costituiscono il sistema dello spettacolo regionale, i progetti rispondono alle esigenze tipiche del settore soprattutto sul versante artistico, dell’esibizione teatrale, canora e musicale, oltre che alle tipologie di lavoro più tecniche funzionali alla produzione di uno spettacolo, come luci e suono.


“Continuiamo a promuovere una grande azione formativa in un settore chiave per lo sviluppo ma anche per l’identità dell’intero Paese, sottolinea l’assessore Patrizio Bianchi. Investiamo in maniera massiccia su chi produce cultura, musica dal vivo, teatro, danza e sulle professionalità tecniche che servono per rappresentare, tutelare e ampliare il patrimonio culturale italiano ed europeo. Anche quest’anno destiniamo 3 milioni di euro del Fondo sociale europeo per creare lavoro e intelligenza collettiva”.   

Gli investimenti per la musica e lo spettacolo

Da inizio legislatura sono stati investiti oltre 20 milioni nella filiera formativa della musica e dello spettacolo. Sono circa 5 milioni di euro le risorse utilizzate per finanziare corsi di canto corale, di musica strumentale d’insieme e laboratori di propedeutica musicale realizzati dalle scuole di musica accreditate, in collaborazione con le istituzioni scolastiche del territorio. Un’azione che ha come obiettivo quello di educare alla musica, promuovere la socializzazione e contrastare le discriminazioni, oltre che integrare gli alunni con disabilità.
Attraverso 14 avvisi pubblici sono stati investi oltre 15 milioni di euro per sostenerne la crescita e l’internazionalizzazione dell’industria culturale e creativa e fornire ai giovani competenze altamente specializzate per inserirsi in questo settore dell’economia regionale sempre più ad alto potenziale di sviluppo. In particolare, nell’ambito dell’industria cinematografica e dell’audiovisivo, con risorse pari a 6,5 milioni di euro sono stati finanziati 160 percorsi formativi rivolti a 2.300 partecipanti. Nell’ambito dello spettacolo dal vivo sono stati finanziati 119 progetti, rivolti a 1.900 persone, per un investimento complessivo di oltre 9 milioni di euro.

Scuola d’alta formazione musicale per strumentisti solisti SOLO

Il possesso di una sicura e forte professionalità è oggi un requisito fondamentale per l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro, in qualunque ambito di riferimento. In quello musicale, e in particolare strumentale, è sempre più importante mettere i giovani musicisti nelle condizioni di confrontarsi con sicura professionalità e adeguata specializzazione con la pratica reale del mondo del lavoro musicale, in particolare in ambito solistico.
Per questi motivi, con la direzione artistica di Andrea Griminelli, nasce SOLO, il corso di alta formazione musicale per strumentisti solisti che sostiene nella carriera musicale giovani dotati d’eccellente talento, forti di una formazione ad hoc assicurata dai migliori solisti del panorama nazionale e internazionale e capace di condurre percorsi paralleli e integrati sia degli aspetti storici, esegetici, analitici, sia strumentali dei diversi repertori affrontati.
Il corso di alta formazione per strumentisti solisti, riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, è rivolto ai seguenti strumenti: violino, violoncello, flauto traverso, oboe, clarinetto. Partenariato: Università di Bologna - Dipartimento delle Arti; Regia Accademia Filarmonica di Bologna; Fondazione scuola di musica Carlo Guglielmo Andreoli.

Il sistema emiliano-romagnolo dello spettacolo dal vivo

Nel panorama nazionale il sistema emiliano-romagnolo dello spettacolo dal vivo è tra i più articolati e dinamici: la regione occupa infatti una posizione di primo piano nei diversi comparti della domanda, offerta, occupazione e attrazione di finanziamenti statali. In Emilia-Romagna sono 377 le sedi attive di spettacolo dal vivo, di cui 251 con programmazione continuativa. Il sistema conta 95 teatri storici.
Il sistema regionale dello spettacolo dal vivo sviluppa esperienze di eccellenza in tutti i settori. La presenza di numerosi enti, istituzioni e manifestazioni di rilievo internazionale, di corsi universitari e formativi, oltre a determinare l'alto livello qualitativo di artisti, tecnici e personale organizzativo di imprese e istituzioni, contribuisce a creare un terreno fertile per l’innovazione e la sperimentazione sia dal punto di vista artistico, sia organizzativo e finanziario.

Per saperne di più

Corsi per lo spettacolo dal vivo (pdf, 779.3 KB)

Sito dedicato alla formazione per il cinema e l’audiovisivo e lo spettacolo dal vivo

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/09/10 12:35:59 GMT+2 ultima modifica 2019-09-10T12:35:59+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina