Fondo sociale europeo

Confronto con il partenariato

Il confronto con il partenariato istituzionale, economico e sociale è una modalità di lavoro ormai consolidata, che la Regione Emilia Romagna adotta in tutte le fasi di attuazione del Programma Operativo Fse.

Il coinvolgimento attivo nell'attuazione del POR 2014-2020 si realizza, come nella precedente programmazione, principalmente nell’ambito gli organismi di concertazione previsti dalle normative regionali.

Comitato di Coordinamento Istituzionale (CCI)

Sede di partenariato e collaborazione istituzionale tra Regione, Province e Comuni in materia di istruzione, formazione e lavoro, è stato Istituito dalle Legge regionale 12/2003. Il Comitato esprime parere sugli indirizzi regionali delle politiche dell’istruzione, della formazione professionale e del lavoro, nonché sui conseguenti atti generali applicativi. Al Comitato spetta anche la formulazione di proposte relativamente allo sviluppo del sistema formativo.

Commissione Regionale Tripartita (CRT)

Istituita dalle Legge regionale 12/2003, la Commissione Regionale Tripartita con le parti sociali è sede concertativa di proposta, verifi ca e valutazione in merito al sistema formativo e alle politiche del lavoro di competenza regionale. La Commissione esprime parere sugli indirizzi regionali delle politiche dell’istruzione, della formazione professionale e del lavoro, nonché sui conseguenti atti generali applicativi.

Conferenza Regionale per il Sistema Formativo (CRSF)

Istituita dalla Legge regionale 12/2003, la Conferenza Regionale per il Sistema Formativo è sede di confronto e di raccordo con istituzioni scolastiche, rappresentanti della formazione, dell’università e degli enti locali sulle politiche e sulla programmazione inerente il sistema formativo. La Conferenza ha compiti di proposta in ordine agli indirizzi e alla programmazione degli interventi del sistema formativo e di verifi ca dei relativi esiti. Essa esprime parere in merito ai piani per l’offerta formativa e per l’organizzazione della rete scolastica e agli atti relativi al sistema formativo di particolare rilevanza.

Conferenza regionale del terzo settore

Istituita dalla Legge regionale 3/1999, è strumento per il confronto e la concertazione tra la Giunta e i soggetti che rappresentano il terzo settore.

A questi organismi si aggiungono:

  • il Comitato per le Autonomie Locali (CAL). Istituito dalla Legge regionale 13/ 2009, è l’organo di rappresentanza, consultazione e coordinamento tra la Regione e gli Enti locali. Esercita le proprie funzioni e partecipa ai processi decisionalidella Regione riguardanti il sistema delle autonomie locali, mediante proposte e pareri nei modi e nelle forme previstidallo Statuto e dalle leggi;
  • la Cabina di regia per la politiche sanitarie e sociali, istituita con Delibera di Giunta Regionale n. 2187/2005, strumentocomune e reciproco di collaborazione tra Regione ed Enti Locali nel campo delle politiche sociali e sanitarie;
  • il tavolo del “Patto per la crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva” (2011) e, da luglio 2016, il tavolo del “Patto per il Lavoro” siglato da istituzioni locali, università, parti sociali, datoriali e sindacali e forum del terzo settore.

Come in passato, oltre agli organi istituzionali di rappresentanza, la Regione intende proseguire nell’allargamento del confronto anche in sedi diverse da quelle formalizzate, al fi ne di contribuire al più ampio confronto con i territori e con i diversi soggetti che a diverso titolo sono interessati alle politiche regionali sul Fondo sociale europeo.

Per saperne di più

Azioni sul documento
Pubblicato il 03/03/2016 — ultima modifica 03/03/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it