Fondo sociale europeo in Emilia-Romagna, dati al 31 dicembre 2019

La nostra regione si conferma ai vertici per l’utilizzo delle risorse europee

Sono stati presentati ai membri del Comitato di sorveglianza - attraverso procedura scritta causa Covid-19 - i dati di attuazione al 31 dicembre 2019 del Por Fse 2014-2020. Ancora una volta l’Emilia-Romagna presenta i numeri di una performance di eccellenza tra le regioni italiane ed europee: quasi 500mila persone sono state coinvolte in percorsi di formazione, di cui oltre il 50% donne; l’80% di queste persone ha beneficiato di interventi per l’occupazione. Sono state finanziate oltre 4.600 operazioni, articolate in progetti, il 60% delle quali relative a interventi per l’occupazione. Questi dati rappresentano l'espressione concreta dell’obiettivo sottoscritto nel 2015 dai firmatari del Patto per il Lavoro, il rilancio della crescita e della buona occupazione in Emilia-Romagna.

Rispetto alla dotazione iniziale prevista di 786.250 euro, sono state impegnati 773.170 euro, pari a oltre il 98% del totale.

Riprogrammazione delle risorse

La ripartizione delle risorse tra gli assi del Fondo sociale europeo - Occupazione, Inclusione, Istruzione e formazione e Capacità istituzionale - è stata oggetto a luglio 2020 di una riprogrammazione, condivisa con le parti sociali e approvata dal Comitato di sorveglianza. Queste misure sono state adottate dall’Emilia-Romagna con l’obiettivo di affrontare l’emergenza Covid-19 per rafforzare l’investimento regionale sulle competenze delle persone in un’ottica di contrasto all’esclusione e alla marginalità dal mercato del lavoro e in una prospettiva di sostegno alla ripresa economica.

Nuove risorse per affrontare l'emergenza sanitaria

Nell’attuale situazione di emergenza sanitaria, l’Europa ha messo in campo nuove risorse e strumenti perché l’Unione possa affrontare, unita, questa fase di crisi economica. La nostra Regione ha approvato con Delibera di Giunta regionale 856 del 13 luglio 2020 lo schema di accordo con il Governo per la riprogrammazione del Por Fse e Por Fesr 2014-2020 per la cifra complessiva di 250 milioni di euro, 60 milioni a valere sul Por Fse e 190 milioni sul Por Fesr. Queste risorse saranno utilizzate per interventi urgenti di carattere sanitario, dai dispositivi di protezione individuale al reclutamento di personale per affrontare l’emergenza Covid19. La nuova allocazione dei fondi consentirà comunque di assicurare la prosecuzione degli impegni assunti nell’ambito della programmazione Por Fse e Por Fesr 2014-2020 attraverso le risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione.

Per saperne di più

Informativa al Comitato di sorveglianza sulla riprogrammazione Por Fse e Por Fesr

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/08/13 12:23:00 GMT+2 ultima modifica 2020-08-13T13:07:29+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina