mercoledì 29.06.2016
caricamento meteo
Sections

Invito a presentare operazioni per l'inclusione lavorativa PO Fse 2014/2020 Obiettivo Tematico 9 - Priorità di Investimento 9.1 Inclusione attiva

Allegato 2 alla Delibera di GR n. 131 del 16/02/2015 "Approvazione degli inviti a presentare operazioni PO Fse 2014/2020 obiettivo tematico 8 e obiettivo tematico 9"
Tipologia di bando Agevolazioni, finanziamenti, contributi
Destinatari
  • Altro
Ente
  • Regione Emilia-Romagna
Data di pubblicazione 23/02/2015
Scadenza termini partecipazione 02/04/2015 12:00
Chiusura procedimento 28/07/2015

Il presente invito intende dare prima attuazione sperimentale alle azioni previste dal Programma Operativo del Fondo sociale europeo 2014/2020 nell'ambito dell'Obiettivo Tematico 9 - priorità di investimento 9.1 “Inclusione attiva, anche per promuovere le pari opportunità e la partecipazione attiva, e migliorare l’occupabilità”, per il conseguimento dell’obiettivo specifico di “incrementare l’occupabilità e la partecipazione al mercato del lavoro delle persone maggiormente vulnerabili”.

Obiettivi specifici

Far uscire le persone dalla condizione di svantaggio, marginalità e povertà rendendo disponibili percorsi di orientamento e formazione che permettano il loro inserimento, reinserimento e permanenza nei contesti produttivi e la percezione di un reddito da lavoro, anche autonomo.

Destinatari

  • Persone svantaggiate (art. 4, comma 1, L. 381/1991;

  • richiedenti asilo e di titolari di protezione internazionale o umanitaria e persone in percorsi di protezione sociale (art. 18 D. Lgs 286/1998);

  • altri soggetti presi in carico dai Servizi Sociali competenti o dai Servizi per l’Impiego caratterizzati da particolare vulnerabilità e fragilità (DGR 379/2014).

In fase di prima attuazione, i destinatari del presente bando sono stati individuati tenendo conto della necessità di non sovrapporre programmazioni e risorse disponibili. Sono pertanto escluse le persone detenute - per le quali è in via di definizione un piano regionale di intervento - e i disabili, in favore dei quali le attività sono programmate dalle Province con risorse del Fondo Regionale Disabili.

Azioni finanziabili

Possono essere candidate operazioni che permettano di rispondere in modo personalizzato alle esigenze delle persone, per sostenere l’inclusione sociale e lavorativa. L'operazione candidata deve configurarsi come una progettualità organica e deve essere descritta in un “Piano di intervento” che ne specifichi strategia, obiettivi, modalità organizzative e ruoli del partenariato. Il Piano deve avere a riferimento una specifica area territoriale:

  • Aree urbane: Bologna, Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Ferrara, Ravenna, Forlì, Cesena e Rimini;

  • Aree interne: Montagna occidentale, Montagna centro-occidentale, Montagna centrale, Montagna orientale, Delta del Po;

  • Area del sisma.

Le operazioni possono essere candidate a valere sulle seguenti tre azioni:

AZIONE 1
Progetti riconducibili a:

  • azioni di accompagnamento individuale di presa in carico e successivo supporto alla fase di primo inserimento in impresa (8-20 ore);

  • percorsi di formazione in piccoli gruppi per l’acquisizione di competenze di base e/o tecnico-professionali propedeutiche all’attivazione di un tirocinio, compresa la formazione per la sicurezza (36-100 ore);

  • tirocini di orientamento e formazione o di inserimento o reinserimento;

  • servizio di formalizzazione e certificazione degli esiti del tirocinio;

  • accompagnamento per l’attivazione di un rapporto di lavoro a tempo determinato, indeterminato, in somministrazione o in apprendistato. Il servizio potrà essere attivato solo nel caso di mancato inserimento lavorativo nell’azienda ospitante il tirocinio e dovrà essere realizzato in partenariato da soggetti autorizzati all’attività di intermediazione.

AZIONE 2
Progetti riconducibili a:

  • azioni di accompagnamento individuale di presa in carico e successivo supporto alla fase di primo inserimento in impresa (8-20 ore);

  • percorsi di formazione aventi a riferimento SRQ e SRFC (con competenze fra il 3° e il 7° livello EQF);

  • certificazione delle competenze acquisite;

  • accompagnamento per l’attivazione di un rapporto di lavoro a tempo determinato, indeterminato, in somministrazione o in apprendistato. Il servizio potrà essere attivato solo nel caso di mancato inserimento lavorativo nell’azienda ospitante lo stage e dovrà essere realizzato in partenariato da soggetti autorizzati all’attività di intermediazione.

AZIONE 3
Interventi finalizzati ai sostenere l'inclusione lavorativa di persone vittime di tratta e/o di violenza, anche di genere, in carico ai servizi territoriali competenti, che ricomprendano progetti riconducibili a:

  • azioni di accompagnamento individuale di presa in carico e successivo supporto alla fase di primo inserimento in impresa (8-20 ore);

  • percorsi di formazione in piccoli gruppi per l’acquisizione di competenze di base e/o tecnico-professionali propedeutiche all’attivazione di un tirocinio, compresa la formazione per la sicurezza (36-100 ore);

  • tirocini di orientamento e formazione o di inserimento o reinserimento;

  • servizio di formalizzazione e certificazione degli esiti del tirocinio;

  • accompagnamento per l’attivazione di un rapporto di lavoro a tempo determinato, indeterminato, in somministrazione o in apprendistato. Il servizio potrà essere attivato solo nel caso di mancato inserimento lavorativo nell’azienda ospitante il tirocinio e dovrà essere realizzato in partenariato da soggetti autorizzati all’attività di intermediazione.

Soggetti ammessi alla presentazione delle operazioni

Organismi accreditati per l’ambito della “Formazione superiore” e per l’ambito speciale “Attività rivolte ad utenze speciali” ai sensi della normativa regionale. Per le operazioni che ricomprendono azioni di ricollocazione, i soggetti gestori devono, pena la non ammissibilità, operare in un partenariato con i soggetti autorizzati all’attività di intermediazione di cui all’art. 2 del D.Lgs n.276/03 dal Ministero del Lavoro o dalla Regione Emilia-Romagna.

Risorse

20.000.000,00 euro Fondo sociale europeo 2014/2020 – Obiettivo tematico 9 - priorità di investimento 9.1.

Modalità e termini per la presentazione delle operazioni

Le operazioni devono essere compilate attraverso la procedura applicativa web disponibile all’indirizzo https://sifer.regione.emilia-romagna.it a partire dal 02/03/2015. Per ciascuna operazione deve essere redatto un Piano di interventoche, debitamente sottoscritto, deve essere scansionato e caricato attraverso la procedura applicativa web. La richiesta di finanziamento, completa delle operazioni e dei relativi Piani di intervento, deve essere inviata per via telematica entro e non oltre le ore 12.00 del 02/04/2015.

Dopo l’invio telematico, la richiesta di finanziamento, completa degli allegati previsti, deve essere stampata, firmata e inviata alla Regione nelle modalità e nei termini previsti dal bando, pena la non ammissibilità (se l'invio è a mezzo raccomandata, questa deve essere spedita entro e non oltre il giorno successivo alla scadenza telematica; in caso di consegna a mano o tramite corriere, la documentazione deve pervenire entro le ore 13.00 del giorno successivo alla scadenza telematica).

Tempi ed esiti delle istruttorie

Gli esiti delle valutazioni e delle selezioni delle operazioni presentate saranno sottoposti all’approvazione degli organi competenti entro 90 giorni dalla data di scadenza del presente Invito.

Termine per l’avvio delle operazioni

Le operazioni dovranno essere attivate di norma entro 60 giorni dalla data di comunicazione dell’ammissione al finanziamento.


Il Responsabile del procedimento ai sensi della L.241/90 ss.mm.ii. è la Dott.ssa Francesca Bergamini Responsabile del Servizio Programmazione, Valutazione e Interventi regionali nell'ambito delle politiche della formazione e del lavoro della Direzione Cultura, Formazione e Lavoro.

Per informazioni: progval@regione.emilia-romagna.it.

Atti di approvazione
Documentazione
FAQ
Altra documentazione
Azioni sul documento
Pubblicato il 23/02/2015 — ultima modifica 14/04/2016
< archiviato sotto: >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it