Formazione in zona bianca, dal 14 giugno riprendono le attività in presenza

Resta la possibilità di ricorrere alle modalità straordinarie

Dal 14 giugno 2021, con Ordinanza del Ministro della Salute dell’11 giugno 2021, l’Emilia-Romagna torna zona bianca e anche la formazione può riprendere in presenza, indipendentemente dalle caratteristiche (laboratoriale) o dalla tipologia (individuale), il tutto nel rispetto delle Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali adottate con Ordinanza del Ministero della Salute del 29 maggio 2021, leggi l'estratto (pdf1.91 MB).

La Regione precisa che resta la possibilità di ricorrere alle modalità straordinarie, introdotte a fronte delle misure restrittive, nei termini e nel rispetto di quanto disposto per le specifiche tipologie e operazioni, con le seguenti deliberazione della Giunta regionale:

deliberazione di Giunta regionale n. 479/2021 “Disposizioni straordinarie per la conclusione dei percorsi a.f. 2020/2021 - Sistema IeFP e Rete politecnica - a fronte delle misure restrittive volte al contenimento del contagio epidemiologico Covid-19 - Modifiche e integrazioni alla delibera di Giunta regionale n. 1354/2020” per gli specifici percorsi e nei termini temporali di applicazione previsti per ciascuna tipologia nei rispettivi allegati.

deliberazione  di Giunta regionale n. 1915/2020 “Ulteriori disposizioni straordinarie per lo svolgimento dell'offerta formativa a fronte delle misure restrittive volte al contenimento del contagio epidemiologico covid-19” applicabili:

  • ai percorsi per il conseguimento di una qualifica professionale o di un certificato di competenze, ad eccezione dei percorsi finalizzati al conseguimento di qualifiche oggetto di regolamentazione nazionale relativi a operatore socio-sanitario (OSS), estetista, acconciatore
  • ai percorsi di formazione permanente e alta formazione
  • ai percorsi di formazione continua e azioni di accompagnamento alle imprese che configurano Aiuti di Stato
  • ai percorsi ricompresi in operazioni approvate in attuazione di Inviti con delibera di Giunta antecedente al 21/12/2020 e che possono essere strutturate anche ricomprendendo altre tipologie di progetti
  • per l’intera durata delle operazioni, e comunque non oltre 6 mesi dalla data di termine dello stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili (a oggi posto al 31/07/2021) fermo restando che per eventuali progetti in corso di attuazione a 6 mesi dalla data di termine dello stato di emergenza potrà essere presentata al Servizio competente motivata richiesta per il proseguimento fino a conclusione degli stessi.

Formazione in apprendistato

Per l’attività formativa relativa al contratto di apprendistato professionalizzante rimane la possibilità di ricorrere alle modalità straordinarie, introdotte a fronte delle misure restrittive, nei termini e nel rispetto di quanto disposto, dalla delibera di Giunta regionale n. 1818/2020 che ha disposto di prorogare fino al 31/12/2021 la possibilità di procedere con erogazione mista della componente formativa dell’apprendistato professionalizzante con le modalità previste dalla delibera di Giunta regionale n. 783/2020, nel rispetto delle disposizioni in materia di gestione delle attestazioni di presenza e della reportistica sulle attività svolte.

Formazione regolamentata

Per quanto riguarda i percorsi autorizzati di formazione regolamentata, compresi i percorsi per l'acquisizione della qualifica di OSS, acconciatore ed estetista, le disposizioni di riferimento per la realizzazione delle operazioni autorizzate sono contenute nei seguenti accordi:

  • “Accordo fra le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano recante deroga temporanea alle Linee guida approvate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome il 25 luglio 2019 in materia di FAD/e-learning applicabile durante la fase di emergenza epidemiologica COVID 19” adottato in sede di Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome del 31 marzo 2020 e recepito con DGR 298/2020
  • “Accordo tra le Regioni e le Province Autonome recante Individuazione dei casi e dei criteri per lo svolgimento di esami a distanza relativi ai corsi di formazione obbligatoria” adottato in sede di Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome il 21 maggio 2020 e recepito con DGR 550/2020.

Sulla base delle disposizioni sopra citate si ricorda che:

  • ­le deroghe ai limiti dell’utilizzo della FAD sono valide per il periodo di  situazione di emergenza
  • ­al termine del periodo di situazione di emergenza tutti gli esami dovranno svolgersi in presenza
  • ­al termine del periodo di emergenza i corsi non ancora avviati, anche in presenza di iscrizioni già acquisite, dovranno essere realizzati nel rispetto delle disposizioni ordinarie pre-emergenza (con i limiti all’utilizzo della FAD).

Il tema della ripresa delle attività formative in presenza per quanto riguarda la formazione regolamentata sarà oggetto di confronto in sede di Conferenza delle Regioni, anche al fine di eventuali revisioni dei suddetti Accordi.

Per saperne di più

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/06/22 14:51:00 GMT+2 ultima modifica 2021-06-23T09:46:59+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina