Formazione regolamentata

Ispettore dei centri di controllo per la revisione periodica dei veicoli a motore

L’Ispettore dei centri di controllo è la persona abilitata o autorizzata ad effettuare i controlli tecnici sui veicoli circolanti sulle strade pubbliche (DM 214/2017)

Formazione regolamentata 

Requisiti di accesso ai corsi

Costituiscono requisiti di accesso ai corsi il possesso di determinati titoli di studio e l’esperienza maturata nelle aree riguardanti i veicoli stradali.

I titoli di studio previsti per l’accesso ai corsi sono i seguenti:

  1. diploma di liceo scientifico;
  2. diplomi quinquennali rilasciati da istituti tecnici, settore tecnologico;
  3. laurea triennale in ingegneria meccanica;
  4. laurea in ingegneria del vecchio ordinamento o di laurea magistrale in ingegneria;
  5. diplomi quinquennali di maturità rilasciati dagli Istituti Professionali di Stato del settore Industria/artigianato indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica;
  6. diploma quadriennale di Istruzione e formazione professionale di cui all’Accordo in Conferenza-Stato-Regioni del 27 luglio 2011 di “Tecnico riparatore di veicoli a motore”;
  7. altri titoli dichiarati equipollenti nei modi di legge.

L’esperienza consiste in periodi di tirocinio o di lavoro o ricerca, anche in combinazione tra loro, aventi ad oggetto prevalente i veicoli stradali ovvero prove tecniche, anche di natura sperimentale, svolti presso:

  1. officine di autoriparazione di cui alla legge 5 febbraio 1992, n. 122;
  2. centri di controllo;
  3. aziende costruttrici di veicoli o loro impianti;
  4. Università o Istituti scolastici superiori.

La durata minima del periodo di esperienza è correlata al titolo di studio posseduto:

  • complessivamente tre anni per chi accede con un diploma;
  • complessivamente sei mesi per chi accede con una laurea. 

Percorso formativo

Il percorso formativo è articolato in tre moduli di formazione sia teorica che pratica.

Modulo A

Modulo teorico a carattere propedeutico, rivolto ai soli aspiranti ispettori che accedono con il diploma. I possessori di laurea sono esonerati dalla frequenza di questo modulo.

La durata del modulo è di 120 ore, articolate come previsto dalla successiva tabella.

La formazione a distanza o in modalità e-learning non è consentita.

L’obbligo di frequenza per l’accesso alla verifica finale è di almeno l’80% del monte ore.

La verifica finale è costituita da un test a risposta multipla.

Al superamento della verifica si rilascia un “Attestato di frequenza con verifica dell’apprendimento”, che consente l’accesso al successivo modulo B.

MODULO A

ORE

MODULO A1
TECNOLOGIA DEI VEICOLI CIRCOLANTI

  • Principi della dinamica, principali grandezze fisiche e unità di misura in meccanica, sistemi di riferimento, forze interessate, moti dei corpi sotto sistemi di forze, lavoro ed energia, misure meccaniche, cinematica e dinamica ruota terreno, aderenza durante il moto, tecnologia dei veicoli a motore, tecnica motoristica, meccanica del pneumatico, modelli di handling, sistemi di frenatura, di sospensione, di trasmissione del moto, componentistica, dispositivi ed impianti principali, dinamica dei veicoli terrestri, avviamento e marcia, frenatura, effetti e interazioni con pneumatici, freni e sospensioni.

 

 

 

 

54

MODULO A2
MATERIALI E PROPULSIONE DEI VEICOLI

  • Principi di fisica tecnica, motori a combustione interna, costituzione e funzionamento, tipologie di propulsori, motori ibridi, curve di potenza e di coppia, rendimenti, cicli termodinamici, materiali e lavorazione dei materiali relativi ai veicoli stradali, tecnologia meccanica, materiali e loro caratteristiche, comportamento meccanico dei materiali, costruzioni di auto e motoveicoli.

 

 

 

26

MODULO A3
CARATTERISTICHE ACCESSORIE DEI VEICOLI

  • Cenni di elettronica, diodi, transistor, dispositivi fotosensibili, circuiti integrati, integrati digitali, logiche digitali, numerazione decimale e binaria, rappresentazione esadecimale, digitalizzazione di grandezze, memorie fisiche, struttura del microcomputer, memorizzazione dei dati, dati dell’iniezione, parametri, mappatura, riprogrammazione.
  • Impianti elettrici, macchine elettriche, misure elettriche.
  • Componenti elettronici del veicolo: sistemi di assistenza al conducente, serbatoi a carbone attivo, controllo pressione pneumatici, sistema aria secondaria, keyless go, struttura airbags,bobina accensione, cruise control adattivo, cambio corsia e angolo cieco, sensori pioggia e crepuscolare, fari adattivi.
  • Applicazioni IT

 

 

 

 

 

40

TOTALE ORE

120

 

Modulo B

Modulo teorico-pratico, rivolto a chi ha superato Il modulo A e ai possessori di una delle lauree previste.

La durata del modulo è di 176 ore, articolate come previsto dalla successiva tabella.

La formazione a distanza o in modalità e-learning non è consentita.

L’obbligo di frequenza per l’accesso alla verifica finale è di almeno l’80% del monte ore.

La verifica finale è costituita da un test a risposta multipla e una prova pratica consistente in una simulazione di controllo tecnico.

Al superamento della verifica si rilascia un “Attestato di frequenza con verifica dell’apprendimento”, che consente di accedere all’esame di abilitazione per i controlli tecnici per i veicoli capaci di contenere al massimo sedici persone, compreso il conducente, o con massa complessiva a pieno carico fino a 3,5 tonnellate, presso le Direzioni Generali Territoriali del Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali e il personale.

MODULO B

ORE

MODULO B1
TECNOLOGIA AUTOMOBILISTICA

  • Sistemi di frenatura
  • Sterzo
  • Campi visivi
  • Installazione delle luci, impianto di illuminazione e componenti elettronici
  • Assi, ruote e pneumatici
  • Telaio e carrozzeria
  • Rumori ed emissioni
  • Requisiti aggiuntivi per veicoli speciali
  • Sistemi IT di bordo

 

 

 

 

74

MODULO B2
METODI DI PROVA

  • Ispezioni visive sul veicolo
  • Valutazione delle carenze
  • Requisiti legali e amministrativi applicabili ai controlli tecnici del veicolo
  • Requisiti legali applicabili alle condizioni dei veicoli da omologare
  • Metrologia applicata alla verifica periodica e metrologica delle attrezzature per le prove di revisione.

Il 20% delle ore del presente modulo B2 dovrà essere svolto in affiancamento durante l'esecuzione di controlli tecnici dei veicoli presso un Centro autorizzato.

 

 

 

 

70

MODULO B3
PROCEDURE AMMINISTRATIVE

  • Sistemi di gestione della qualità (norme ISO)
  • Ambiente e sicurezza nei centri di revisione
  • Centri di Controllo: requisiti amministrativi, tecnici e di qualità del servizio.
  • Centri di Controllo: Verifiche ispettive
  • Applicazioni IT relative ai controlli ed all'amministrazione

 

 

 

32

TOTALE ORE

176

 

Modulo C

Modulo teorico-pratico finalizzato all’accesso all’esame di abilitazione per i controlli tecnici per i veicoli di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate.

L’accesso al modulo C è riservato agli ispettori che hanno sostenuto con esito positivo l’esame di abilitazione relativo al solo modulo B e agli ispettori già autorizzati o abilitati alla data del 20 maggio 2018.

La durata del modulo è di 50 ore, articolate come previsto dalla successiva tabella.

La formazione a distanza o in modalità e-learning non è consentita.

L’obbligo di frequenza per l’accesso alla verifica finale è di almeno l’80% del monte ore.

La verifica finale è costituita da un test a risposta multipla e una prova pratica consistente in una simulazione di controllo tecnico.

Al superamento della verifica si rilascia un “Attestato di frequenza con verifica dell’apprendimento”, che consente di accedere all’esame di abilitazione per i controlli tecnici per i veicoli di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate, presso le Direzioni Generali Territoriali del Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali e il personale.

MODULO C

ORE

MODULO C1
TECNOLOGIA AUTOMOBILISTICA

  • Sistemi di frenatura misti
  • Sterzo
  • Campi visivi
  • Installazione delle luci, impianto di illuminazione e componenti elettronici
  • Assi, ruote e pneumatici
  • Telaio e carrozzeria
  • Rumori ed emissioni
  • Requisiti aggiuntivi per veicoli speciali e complessi veicolari
  • Sistemi IT di bordo

 

 

 

 

 

20

MODULO C2
METODI DI PROVA

  • Ispezioni visive sul veicolo
  • Valutazione delle carenze
  • Requisiti legali e amministrativi applicabili ai controlli tecnici del veicolo
  • Requisiti legali applicabili alle condizioni dei veicoli da omologare
  • Metrologia applicata alla verifica periodica e metrologica delle attrezzature per le prove di revisione

Il 20% delle ore del presente modulo C2 dovrà essere svolto in affiancamento durante l'esecuzione di controlli tecnici dei veicoli presso un Centro autorizzato.

 

 

 

 

 

30

TOTALE ORE

50

 

Aggiornamento

Per il mantenimento del titolo abilitativo l’Ispettore deve frequentare un corso di aggiornamento a cadenza triennale della durata di 30 ore, avente ad oggetto le innovazioni tecniche e tecnologiche dei veicoli (art. 9, Decreto 16 febbraio 2022).

Soggetti attuatori

Possono realizzare i corsi di formazione gli enti di formazione professionale accreditati ai sensi della Delibera di Giunta regionale n. 177/2003 e ss.mm.ii.

I corsi dovranno essere previamente autorizzati in esito alle procedure di evidenza pubblica regionali per l’autorizzazione delle attività formative regolamentate non finanziate, in base alle disposizioni per la programmazione vigenti. 

Accesso ed esercizio della professione/attività

Esami abilitanti

Il candidato Ispettore che ha superato il modulo B o l’Ispettore che ha superato il modulo C richiedono l’accesso all’esame di abilitazione alla Direzione Generale Territoriale del Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali e il personale, allegando alla domanda copia del fascicolo personale contenente il titolo di studio, la documentazione comprovante l’esperienza maturata e gli attestati di frequenza con verifica dell’apprendimento relativi ai moduli del percorso formativo.

Registrazione

Una volta superato l’esame di abilitazione, per poter esercitare l’attività l’Ispettore deve essere registrato presso Ministero delle infrastrutture e dei trasporti - Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali e il personale - Direzione generale per la motorizzazione. 

Normativa e atti amministrativi di riferimento 

Regionali

  • Delibera di GR n. 1753 del 30/11/2020 - Disposizioni per la formazione dell'Ispettore dei centri di controllo privati per la revisione periodica dei veicoli a motore e dei loro rimorchi di cui al d.m. 19 maggio 2017, n. 214. Recepimento dell'Accordo Stato-Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano rep. n. 65/csr del 17 aprile 2019

Comunitari e nazionali

Le informazioni presenti in questa scheda hanno un esclusivo carattere divulgativo e conoscitivo. Non sono in alcun modo sostitutive degli atti normativi ed amministrativi ivi indicati, a cui in ogni caso si rimanda.

Azioni sul documento

pubblicato il 2014/01/30 13:42:00 GMT+1 ultima modifica 2022-03-21T12:38:24+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina