Interventi per l'occupazione

Interventi per l'occupazione

Le politiche regionali a sostegno di persone e imprese, per una piena e buona occupazione e per lo sviluppo del sistema economico-produttivo

Cosa fa la Regione

Il lavoro è un diritto sancito dalla Costituzione e, per la Regione Emilia-Romagna, è la base per lo sviluppo e la coesione sociale di un territorio.

Per questo nel 2015 la Regione ha promosso la firma di un Patto per il lavoro, rinnovato e potenziato nel 2020 con il Patto per il Lavoro e per il Clima, che ha visto il coinvolgimento di tutte le componenti della società – Province, Comuni capoluogo, organizzazioni sindacali, datoriali e professionali, Terzo settore, Unioncamere, Abi, Ufficio Scolastico Regionale, Università –  per intraprendere un percorso di crescita e progettare una nuova economia per la ripartenza fondata su lavoro, imprese e opportunità, puntando fortemente su una nuova occupazione di qualità che concorra alla transizione ecologica.

E alle politiche per l’occupazione la Regione ha scelto di destinare oltre il 60% delle risorse del Programma operativo Fondo sociale europeo per il periodo 2014-2020, per un investimento complessivo di oltre 490 milioni di euro

Gli interventi messi in campo grazie alla sinergia tra risorse europee, nazionali e regionali costituiscono un piano di interventi strutturato, finalizzato a raggiungere diversi obiettivi, tra loro fortemente interconnessi. Primo fra tutti, modernizzare le istituzioni del mercato del lavoro, per renderle più adeguate alle esigenze di persone e imprese e alla nuova rivoluzione industriale che sta cambiando radicalmente il modo di produrre a livello globale. In questa direzione va la costruzione della nuova Rete attiva per il lavoro, che unisce pubblico e privato per offrire in modo capillare e personalizzato servizi a sostegno dell'inserimento lavorativo di adulti e giovani, con particolare riguardo ai NEET, cioè a quei ragazzi e ragazze che non studiano e non lavorano, e della ricollocazione delle persone che hanno perso il lavoro.

La Regione crede fermamente che il capitale umano sia il principale valore su cui poggia la competitività di un sistema economico-produttivo e, per questo, accanto alle politiche attive per il lavoro, programma interventi per innalzare e aggiornare le competenze delle persone, così da facilitare l’accesso al mercato del lavoro, promuovere un’occupazione qualificata e sostenere l’avvio di attività autonome e la nascita di start up e nuove imprese. Una specifica linea di intervento riguarda le competenze digitali, destinate nei prossimi anni ad essere sempre più centrali per l’occupabilità delle persone e la competitività delle imprese.

La Regione sostiene anche le imprese, con piani di intervento basati sulla formazione e sull’innovazione delle competenze. Le azioni sono finalizzate da un lato a promuovere l’innovazione e la competitività del tessuto imprenditoriale emiliano-romagnolo e l’attrazione di nuove imprese sul territorio regionale, dall’altro ad affrontare e superare crisi aziendali e di settore, accompagnando processi di riorganizzazione e riconversione.

Sulla convinzione che formazione e lavoro sono il più potente strumento di inclusione sociale e di realizzazione personale si basano anche le politiche regionali volte a garantire l’uguaglianza tra uomini e donne nel mercato del lavoro e quelle per l’inserimento lavorativo delle persone con disabilità e a rischio di esclusione.

Un piano di intervento basato sulle competenze per l’occupazione è infine quello che la Regione ha adottato per sostenere le proprie aree interne, che stanno vivendo un graduale spopolamento sia da parte degli abitanti che da parte delle attività produttive.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/30 16:14:00 GMT+2 ultima modifica 2021-03-31T15:50:08+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina