Formazione e lavoro dopo il terremoto

I danni del sisma in Emilia-Romagna

Il sisma che nel 2012 ha colpito l’Emilia-Romagna ha causato ingenti danni a vasti territori nelle province di Bologna, Modena e Ferrara e Reggio Emilia. Le abitazioni danneggiate sono state più di 31mila, 42mila le persone costrette a lasciare, anche temporaneamente, la propria casa.

Le imprese colpite sono state qualche migliaio e 3.748 di esse hanno dovuto fare ricorso alla cassa integrazione per più di 40mila lavoratori. L’interruzione della produzione e il pericolo di perdita di posti di lavoro sono state le conseguenze più evidenti che il sisma ha avuto sull’economia di quest’area, nella quale fino a quel momento operavano 187mila addetti e che da sola produceva il 2% del PIL nazionale.

Gli interventi della Regione

Per gestire l’emergenza e favorire la ripresa, la Regione Emilia-Romagna ha messo in campo diversi interventi.

Per far fronte allo stato di crisi immediatamente successivo al sisma, è subito intervenuta per accelerare e semplificare le procedure di accesso delle imprese agli ammortizzatori sociali, ordinari e in deroga.

Per accompagnare la ripresa, ha messo a disposizione delle persone e delle imprese dell’Emilia opportunità di formazione e incentivi, finanziati con gli oltre 40 milioni di euro del Contributo di solidarietà costituito dalle Regioni italiane con risorse del Fondo sociale europeo.

immagini_per_sito12.jpg immagini_per_sito11.jpg

Opportunità per le persone

Opportunità per le imprese

Le opportunità finanziate con il Contributo di solidarietà" sono state progettate in base agli obiettivi della programmazione Fse 2007-2013 ma con uno sguardo al futuro: alla strategia Europa 2020 e alla programmazione comunitaria 2014-2020.

Escludendo i costi per l’assistenza tecnica, sono stati approvate oltre 250 operazioni, con un contributo pubblico di 48,7 milioni di euro circa, rivolte a più di 26,8 mila beneficiari potenziali.

A febbraio 2015, risultavano avviate 242 operazioni, per un ammontare di contributi concessi di 48,1 milioni circa e 17,3 mila beneficiari effettivi.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/10/26 15:59:00 GMT+2 ultima modifica 2018-10-26T16:15:43+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina