Formazione regolamentata

Guida ambientale escursionistica

È guida ambientale-escursionistica - ai sensi della L. R. 4/2000 art. 2, co. 3 - chi, per attività professionale, illustra a persone singole e gruppi di persone gli aspetti ambientali e naturalistici del territorio, conducendoli in visita ad ambienti montani, collinari, di pianura e acquatici, anche antropizzati, compresi parchi ed aree protette, nonché ambienti o strutture espositive di carattere naturalistico ed ecologico, con esclusione di percorsi di particolare difficoltà, posti su terreni innevati e rocciosi di elevata acclività, ed in ogni caso di quelli richiedono l'uso di attrezzature e tecniche alpinistiche, con utilizzo di corda, piccozza e ramponi. 

 

Formazione regolamentata 

Requisiti di ammissione
Al fine dell’ammissione ai corsi di formazione è necessario dimostrare:

  • il possesso di un diploma di istruzione secondaria di secondo grado;
  • il superamento delle verifiche di cui all’Allegato 2 della DGR 1515/2011.

Le aspiranti guide ambientali-escursionistiche devono sostenere la verifica sulle conoscenze del territorio regionale e sulle conoscenze linguistiche consistente in:

  • una prova orale in sede di verifica delle conoscenze linguistiche intese come una o più lingue straniere. Viene richiesto il livello B2. Tutti i candidati dovranno indicare la lingua o le lingue straniere nelle quali intendono sostenere la verifica;
  •  una prova orale in sede di verifica delle conoscenze del territorio regionale, intese come conoscenze approfondite dei principali aspetti ambientali e naturalistici.

La Commissione che è chiamata a valutare la conoscenza delle lingue e del territorio regionale è composta da:

  • il responsabile del servizio regionale o provinciale competente in materia di turismo o suo delegato, con funzioni di presidente;
  • un collaboratore assegnato al servizio regionale o provinciale competente in materia di turismo;
  • il coordinatore del progetto corsuale;
  • un esperto per ciascuna lingua straniera oggetto d'esame;
  • un esperto di aspetti ambientali e naturalistici.

Durata minima
150 ore. Massimo di assenze consentito: 20% del monte ore.
La partecipazione al corso di formazione può prevedere il riconoscimento di crediti formativi. Costituiscono valore di credito formativo le capacità e le conoscenze acquisite attraverso la partecipazione a corsi di formazione e documentati da specifici attestati. Il soggetto attuatore del corso definisce i crediti formativi da riconoscere e la riduzione delle ore di frequenza da attuare in base alle disposizioni regionali vigenti. 

Contenuti
Le aree tematiche relative al corso di guida ambientale-escursionistica sono:

  • ruolo e quadro normativo istituzionale: 10 ore
  • relazione con il cliente: 30 ore
  • sicurezza: 20 ore
  • servizio di accompagnamento: 50 ore
  • adempimenti amministrativi: 5 ore
  • offerta di servizio: 35 ore. 

Soggetto erogatore
I progetti formativi devono essere candidati all’autorizzazione all’interno dei Piani di formazione regionali o provinciali da parte di soggetti attuatori accreditati, in base alle disposizioni previste dalla DGR 105/2010. Altri soggetti attuatori non accreditati, sulla base del regime autorizzativo previsto dalla LR 12/03, art. 34, possono essere autorizzati ad organizzare e gestire i corsi in analogia con i soggetti attuatori accreditati. L’autorizzazione, esclusivamente finalizzata alla formazione in questione, sarà rilasciata dall’Amministrazione competente, secondo quanto previsto al punto 11.2 dalla citata DGR 105/2010.  

Informazioni esame 

Requisiti di accesso
Sono ammessi alla prova di verifica finale coloro che hanno frequentato almeno l’ 80% delle ore di formazione previste. Per coloro cui sono stati riconosciuti crediti formativi, l’80% è da intendersi relativo alle ore effettivamente da frequentare. 

Componenti della Commissione
La Commissione è composta da almeno 3 componenti, individuati tra i docenti ed esperti impegnati nel corso, tra cui il coordinatore del percorso formativo. 

Tipologia di prova
La prova è composta da:

  • una prova di simulazione;
  • un colloquio. 

Contenuti della prova

  • prova di simulazione, da realizzarsi “in situazione” ricreando un contesto ambientale e di relazione analogo a quello in cui la figura turistica di accompagnamento oggetto d’esame si trova a svolgere durante la propria attività lavorativa, allo scopo di valutare le competenze acquisite ed effettivamente agite dall’allievo;
  • colloquio, per approfondire il grado di acquisizione delle competenze trasversali e altri aspetti che il progetto d’esame e la commissione prevedano necessari a completamento della valutazione. 

Attestato rilasciato
A seguito del superamento della prova di verifica finale si rilascia un “Attestato di frequenza con verifica dell’ apprendimento”.  

 

Accesso ed esercizio della professione/attività

Informazioni Albo/Elenco 

Requisiti professionali
Per l’aspirante guida ambientale-escursionistica:

  • cittadinanza italiana o di altro Stato membro dell'UE o la residenza in Italia da almeno tre anni;
  • il possesso di diploma di istruzione secondaria di secondo grado o equivalente conseguito all'estero, per il quale sia valutata l’equivalenza dalla competente autorità italiana;
  • il superamento delle verifiche delle conoscenze linguistiche e del territorio regionale di cui all’Allegato 2 della DGR 1515/2011;
  • l’attestato di frequenza con verifica dell’apprendimento allo specifico corso di formazione professionale di cui all’Allegato 3 della D.G.R. 1515/2011; per l’accesso al corso è necessario il possesso dei sopracitati requisiti. 

Registrazione
Amministrazione Provinciale – Turismo. 

Amministrazione competente al rilascio
Ai sensi dell’art. 6 della legge regionale n. 4 del 2000, la Provincia - Turismo istituisce appositi elenchi con riferimento alle diverse professioni turistiche, nei quali sono inseriti coloro che hanno conseguito le idoneità ai sensi delle presenti disposizioni.
Per facilitare l’accesso dei cittadini alle informazioni, la Provincia aggiorna costantemente e pubblica sul proprio sito internet istituzionale i nominativi di coloro che comunicano la disponibilità all'effettivo esercizio della professione per la quale sono stati dichiarati idonei e indicano anche le lingue straniere per le quali è stato superato l'esame.

 

Normativa e atti amministrativi di riferimento 

Regionali

  • Delibera di GR n. 95/2018 “Delibera n. 1515/2011 'Disposizioni attuative della L.R. 4/2000 per l'esercizio delle attività di accompagnamento turistico: guida turistica, accompagnatore turistico e guida ambientale-escursionistica’ - Modifica commissione di verifica”
  • Delibera di GR n. 275 del 14/03/2012 (pdf, 229.1 KB) “Integrazioni e rettifiche, per mero errore materiale, alla propria deliberazione n. 1515/2011 "Disposizioni attuative della L.R. 4/2000 per l'esercizio delle attività di accompagnamento turistico: Guida Turisttica, Accompagnatore Turistico e Guida Ambientale-Escursionistica"”
  • Delibera di GR n. 1515 del 24/10/2011 (pdf, 448.8 KB)“Disposizioni attuative della L.R. 4/2000 Per l'esercizio delle attività di accompagnamento turistico: Guida Turistica, Accmpagnatore Turistico e Guida ambientale-Escursionistica”
  • Delibera di GR n. 105/2010 (pdf, 884.8 KB) “Revisione alle disposizioni in merito alla programmazione, gestione e controllo delle attività formative e delle politiche attive del lavoro, di cui alla Deliberazione della Giunta Regionale 11/02/2008 n. 140 e aggiornamento degli Standard Formativi di cui alla Deliberazione della Giunta Regionale 14/02/2005, n. 265”
  • Legge regionale n. 4 del 01/02/2000 (pdf, 56.8 KB)“Norme per la disciplina delle attività di animazione e di accompagnamento turistico”
  • Delibera di GR n. 177 del 10/02/2003 (pdf, 754.0 KB)“Direttive regionali in ordine alle tipologie di azione ed alle regole per l'accreditamento degli organismi di formazione professionale”

 Comunitari e nazionali

  • Decreto legislativo n. 79 del 23/05/2011 (pdf, 137.7 KB)“Codice della normativa statale in tema di ordinamento e mercato del turismo, a norma dell’articolo 14 della legge 28 novembre 2005, n. 246, nonché attuazione della direttiva 2008/122/CE, relativa ai contratti di multiproprietà, contratti relativi ai prodotti per le vacanze di lungo termine, contratti di rivendita e di scambio” 

 

Le informazioni presenti in questa scheda hanno un esclusivo carattere divulgativo e conoscitivo. Non sono in alcun modo sostitutive degli atti normativi ed amministrativi ivi indicati, a cui in ogni caso si rimanda.

Azioni sul documento

pubblicato il 2014/01/20 14:35:00 GMT+1 ultima modifica 2018-05-08T16:56:00+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina