Piano straordinario per l’occupazione dei giovani

Nel 2012 la Regione ha approvato un Piano straordinario per l’accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa, finanziato con oltre 40 milioni di euro di risorse comunitarie, nazionali e regionali.

Alla base dell’intervento c'era l'intento di aumentare le competenze dei giovani nella fascia di età 18-34 anni per contrastare la disoccupazione e la precarietà professionale, sostenere la creazione di nuove realtà imprenditoriali, premiare le imprese che investono sui giovani e sulla loro formazione.

Il Piano Giovani ha reso disponibile un'offerta formativa, integrata e complementare al sistema ER Educazione Ricerca, costituita da una pluralità di percorsi, differenziati in base alle condizioni e alle esigenze dei giovani destinatari delle misure. È stato progettato con la collaborazione di tutti gli attori coinvolti a livello regionale - istituzioni, parti sociali, imprese, operatori della formazione – e attuato con il sostegno operativo dei Centri per l’impiego, per facilitare l’accesso di persone e imprese alle opportunità.

Il Piano è stato articolato in 4 fondi e le misure, finanziate attraverso questi fondi, sono state disponibili fino alla fine del 2013.


Fondo per l’assunzione e la stabilizzazione

Tramite questo fondo sono stati assegnati incentivi fino a 12mila euro alle imprese che hanno assunto giovani fino ai 34 anni a tempo indeterminato, anche attraverso la trasformazione di altre forme contrattuali, compreso l'apprendistato. Attraverso la gradualità dell’incentivo, sono state premiate maggiormente le imprese che non hanno licenziato e quelle che hanno assunto in forma stabile giovani donne (i soggetti che sono stati ammessi agli incentivi devono presentare tassativamente entro il 30/06/2015 la documentazione per il pagamento secondo le modalità indicate in questa pagina).

Complessivamente sono stati concessi 2.463 incentivi (di cui 280 per nuove assunzioni e il resto per trasformazioni di contratti preesistenti in contratti a tempo indeterminato), con un investimento di circa 20 milioni di euro.

 

Fondo apprendistato

Il fondo ha offerto alle imprese che hanno assunto giovani apprendisti il finanziamento del percorso formativo previsto dal contratto e, per promuovere le due tipologie di apprendistato con la componente formativa più rilevante (l'apprendistato per la qualifica e quello di alta formazione e ricerca), ha concesso incentivi calcolati sulla base della durata del contratto.

In totale sono stati finanziati più di 27mila percorsi formativi. Tra le assunzioni di apprendisti premiate con un incentivo, sono stati 150 i contratti di apprendistato di alta formazione e ricerca.

 

Fondo fare impresa

Per favorire la nascita di nuove imprese, a integrazione delle opportunità di finanziamento previste dall’Assessorato regionale alle Attività produttive e in stretta collaborazione con i servizi già presenti sul territorio, il fondo ha finanziato percorsi formativi e consulenziali rivolti ai giovani intenzionati a sviluppare una propria idea imprenditoriale per avviare un’attività autonoma. I percorsi, individuali e personalizzabili nella durata e nei contenuti, sono stati finanziati con voucher formativi di valore compreso tre i 2mila e i 5mila euro.

Sono stati finanziati 283 voucher, per un importo complessivo di 1.118.000 euro. Al termine dei percorsi, quasi il 60% dei giovani ha avviato un’attività.

 

Fondo giovani 30-34 anni

Per promuovere l’assunzione a tempo indeterminato di giovani fra i 30 e i 34 anni, fascia di età che la normativa nazionale esclude dall’apprendistato e da qualsiasi incentivo, il fondo ha finanziato percorsi individuali di formazione, realizzati prevalentemente in impresa prima dell’assunzione, finalizzati a far acquisire ai partecpanti competenze coerenti con le esigenze espresse dall’impresa.

Azioni sul documento

Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it